“Amo il mio corpo perché è mio”: l’empowerment femminile di Beatrice Agnoli in 3 domande

Il suo entusiasmo e la sua allegria contagiosa ci hanno regalato sorrisi nei giorni di lockdown, ricordate? Beatrice Agnoli è la super make-up artist – e Chitè Girl, ovviamente! – che ci ha tenuto compagnia con delle sessioni di make-up in esclusive per la nostra LOVER’S COMMUNITY (e potete rivederle sulla Instagram TV di Chitè!). Oggi Beatrice è l’ospite speciale del nostro magazine per parlare di bellezza ed empowerment femminile ancora più in profondità: ci svelerà il suo rapporto intimo con sé stessa, di ciò che ha provato e prova oggi quando si guarda allo specchio. E, più di tutto, ci rivelerà le sue sensazioni quando indossa la lingerie personalizzata Chitè.

Beatrice, cosa rende speciale il tuo rapporto con il tuo corpo? E perché?

Sono nata in un paesino di provincia dove la mentalità non è molto aperta. Ricordo che odiavo con tutta me stessa il fatto di essere più alta di tutte le ragazze e ragazzi della mia età (e non solo), dando l’impressione di essere più grande di quello che effettivamente ero. Il desiderio di poter indossare i tacchi era talmente forte che li compravo per metterli solo in casa perché puntualmente, quelle poche volte che trovavo il coraggio per uscirci, arrivava il tizio alto un metro e un carciofo di turno a dirmi “Ma cosa ti metti i tacchi che sei già alta di tuo?!”. Oppure, semplicemente, mi guardavano e ridacchiavano sotto i baffi. Volevo sprofondare! Ho iniziato ad amare la mia altezza quando avevo circa vent’anni, dopo una relazione turbolenta con un ragazzo. Aveva sviluppato una gelosia ossessiva nei miei confronti tanto che, per evitare litigi inutili, mi cancellai controvoglia da qualsiasi social. Cambiai numero di telefono perché non voleva che sentissi e vedessi nessuno al di fuori di lui e familiari. Non potevo uscire, non potevo andare al mare o in piscina, non potevo truccarmi, non potevo farmi le unghie, insomma non potevo fare nulla, figuriamoci mettere i tacchi o una gonna! Non racconto i dettagli della relazione (che sono facilmente intuibili), ma un bel giorno, dopo due anni, presa dalla frustrazione mi guardai allo specchio e mi dissi “Meglio morire che vivere così”. Trovai la forza di lasciarlo, promettendo a me stessa che mai più nella mia vita avrei permesso a qualcuno di farmi fare quello che non voglio e soprattutto di sentirmi libera di essere quello che voglio essere. Da quel giorno, non ho più smesso di esprimere la mia eccentricità, la mia sensualità: tacchi, gonne, trasparenze, scollature… Insomma, se non rischiassi una denuncia, uscirei pure nuda! Ma questo è uno sfizio che mi concedo solo a casa. Amo il mio corpo perché è MIO e posso farci tutto quello che voglio. 

Cosa cerchi in un capo di lingerie che ti rappresenti? E soprattutto come lo hai trovato in Chitè?

S.C.S = sensualità, comodità, stabilità. Ho un motto: “Indossare l’intimo è come indossare un paio di scarpe: se è scomodo avrai una giornata di me**a”! Ho bisogno di sentirmi bene e, non so se è solo un mio problema, ma uno slip che stringe troppo non mi dà confort, così come il reggiseno che sale su ogni volta che alzo le braccia. Sostanzialmente, se Ercole fosse stato una donna, le fatiche sarebbero state 12+2, con le mutandine che stringono e il reggiseno che vola! Sentirmi sexy è fondamentale: il modo migliore è avere una super lingerie personalizzata in modo che, ogni volta che mi vesto o mi svesto, mi do un’occhiata allo specchio e mi dico “Ammazza, che gnocca!”. Un toccasana per la propria autostima. Detto ciò, penso sia facilmente intuibile perché la mia lingerie sia firmata principalmente Chitè. 

What is your personal touch?

Quando parlaimo di lingerie personalizzata, la preziosità del tessuto per me è tutto. Se vuoi farmi innamorare dammi pizzo, giochi di trasparenze e ricami in oro: sarò perdutamente tua. 

E tu, hai già avuto modo di partecipare alle sessioni di make-up di Beatrice Agnoli? Riguardale subito sulla IGTV di Chitè e divertiti a riscoprire il potere del make-up per sublimare la tua bellezza. Al resto – o meglio, alla lingerie – ci pensiamo noi: MyChitè, la prima piattaforma di personalizzazione per lingerie su misura ti aspetta per coccolarti al meglio.

Leggi anche

- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli