Agenda sostenibilità 2022: gli obiettivi di Chitè Milano

Sostenibilità: una parola chiave per Chitè Milano, che punta alla Certificazione B-Corp entro la fine del nuovo anno e annuncia la propria agenda 2022. Il brand di intimo femminile 100% Made in Italy fondato da Chiara Marconi e Federica Tiranti, rispettivamente CEO e Direttore Creativo, rinnova così il proprio impegno nel perseguimento degli obiettivi già stabiliti nel 2021 durante il passaggio a Società Benefit. Ai sensi della Legge 28 dicembre 2015 n. 208, commi 376 – 384, Chitè s.r.l. Società Benefit si impegna infatti a “perseguire una o più finalità di beneficio comune operando in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di dipendenti, consumatori, fornitori, comunità locali”.

Tra i punti cardine dell’agenda sostenibilità 2022 di Chitè Milano c’è la forte attenzione ai tessuti sostenibili certificati, alla trasparenza e la tracciabilità della catena produttiva, alla riduzione dell’impatto ambientale e al supporto ai laboratori artigianali indipendenti, nel cuore delle Langhe in Piemonte, con cui il brand collabora sin dalla sua nascita nel 2018. Fondamentale per l’anno appena cominciato è il passaggio – entro la fine del 2022 – al raso di poliestere riciclato per il 100% dell’offerta di prodotti in raso presenti in collezione. Garante e responsabile dell’agenda di obiettivi sulla sostenibilità dell’azienda è il Direttore Creativo Federica Tiranti che, insieme al cda, organizzerà gli obiettivi annualmente e redigerà il bilancio.

Chiara Marconi e Federica Tiranti, founders di Chitè Milano

Sostenibilità: gli obiettivi di Chitè nell’agenda 2022

  • Utilizzare raso di poliestere riciclato per il 100% dell’offerta di prodotti in raso entro il 2022 
  • Ottenere la Certificazione B-Corp entro il 2022
  • Sviluppo di un sistema di monitoraggio dell’emissione di CO2 per ogni singolo capo con l’obiettivo entro la fine del 2022 di arrivare anche un meccanismo di compensazione 
  • Supportare organizzazioni charity a sostegno del mondo femminile e in linea con i valori di Chitè, quali: indipendenza economica, benessere psico-fisico, istruzione ed empowerment femminile  
  • Introduzione della tecnologia blockchain per certificare la tracciabilità di ogni singolo prodotto che insieme ai QR code permetterà di fornire all’utente quante più informazioni possibili sui prodotti che acquista
  • Portare avanti la filosofia del packaging plastic-free
  • Promuovere parità di genere all’interno del proprio team
  • Promuovere in modo educational il messaggio di “inclusività” come invito alla salute e accettazione del proprio corpo

Tre le parole chiave che caratterizzano da sempre l’impegno di Chité nel campo della sostenibilità:

Sostenibilità umana

Chitè Milano nasce con un valore intrinseco: supportare l’artigianato italiano e sposare la produzione responsabile attraverso la slow couture, distaccandosi completamente dalle dinamiche del fast fashion. Nel ridare valore all’antica arte della corsetteria, tramandata di generazione in generazione e garante della migliore tradizione del Made in Italy, il marchio fondato da Chiara Marconi e Federica Tiranti collabora con laboratori artigianali indipendenti nel cuore delle Langhe, in Piemonte. Questo tipo di produzione responsabile e sostenibile consente di ridurre sprechi e impatto ambientale. Avviene inoltre nel totale rispetto dei diritti umani e delle tempistiche necessarie ai lavoratori coinvolti, garantendo altissimi standard di qualità del prodotto finale.  

Il reggiseno Lolita, modello continuativo di Chitè

Trasparenza

La filiera artigianale di Chitè Milano è etica, responsabile, tracciabile. Sin dal primo giorno, Chitè Milano si impegna a essere trasparente garantendo alle proprie clienti il diritto di conoscere volti e nomi della propria catena produttiva. L’attenta selezione di tessuti italiani certificati e di altissima qualità permette una filiera 100% italiana, dal filato al prodotto artigianale finito. Una delle maggiori collaborazioni instaurate è quella con Boselli: da questa realtà italiana di quarta generazione – fondata nel 1898 e con valori aziendali radicati nella qualità, il rispetto dell’ambiente, la sicurezza e la salute delle persone – proviene il raso di poliestere riciclato utilizzato per la maggior parte della lingerie Chitè.

Boselli

Sostenibilità ambientale

Oltre a sposare la produzione responsabile collaborando con laboratori artigianali indipendenti, Chitè Milano si impegna a rispettare l’ambiente anche attraverso soluzioni di packaging ecosostenibili e privi di plastica. Non meno fondamentale è l’attenzione alle materie prime, tutte 100% italiane: la lingerie Chitè nasce solo ed esclusivamente da tessuti certificati OEKO-TEX® a basso impatto ambientale e con alti requisiti umano-ecologici. OEKO-TEX® è un sistema di controllo e certificazione indipendente e uniforme a livello internazionale per le materie prime, i semilavorati e i prodotti finiti del settore tessile ad ogni livello di lavorazione, oltre che per i materiali accessori utilizzati. Oltre al raso di poliestere riciclato proveniente dall’azienda italiana Boselli, Chitè ha realizzato collezioni in cotone 100% biologico proveniente dall’azienda italiana Eusebio, che opera in partnership con cooperative africane in Costa d’Avorio al fine di migliorare le colture locali attraverso finanziamenti, risorse produttive e know-how italiano. 

LEGGI ANCHE: